MENU
» in evidenza, in primo piano, Psico-Donne, SOS Adolescenti » PSICO E COPPIA: AI FIGLI NON PIACE LA FAMIGLIA ALLARGATA?

5 gennaio 2017 Commenti (0) Visualizzazione: 455 Stelle in evidenza, in primo piano, Psico-Donne, SOS Adolescenti

PSICO E COPPIA: AI FIGLI NON PIACE LA FAMIGLIA ALLARGATA?

Come far accettare ai figli il nuovo partner? E come costruire un rapporto sereno tra la coppia e i figli avuti da un’unione precedente? Ecco le risposte della dott.ssa Daniela Uslenghi, dell’Istituto Hoffman di Milano, per vivere serenamente i rapporti affettivi in una famiglia allargata.

Ecco i consigli per i genitori per creare un rapporto sereno e di fiducia tra i propri figli e il nuovo partner:

  1. Non imporre subito ai figli  il nuovo compagno/la nuova compagna. E’ necessario far passare del tempo prima di convivere. Inoltre è meglio evitare, i primi tempi,  che il compagno/la compagna trascorra troppo tempo a casa del partner, togliendo tempo ed attenzioni ai propri figli (propri e del partner).
  2. Sarebbe meglio che il nuovo compagno/compagna non si trasferisca subito a casa del partner se ha figli da un’unione precedente; si rischia di far entrare in crisi i ragazzi propri e quelli del partner.
  3. Organizzare prima delle uscite insieme (cinema, pranzo della domenica, gite e sport), magari anche con altri amici e conoscenti. Insomma, iniziare a piccoli passi per condividere qualche ora del tempo libero. Aiutare i ragazzi a conoscere i nuovi partner senza forzature e senza richieste di conferme (Ti piace? E’ simpatico/simpatica?).
  4. Se i partner sono da poco tempo insieme è meglio evitare di organizzare Feste comandate, riunioni di famiglia tutti insieme, idem tutti i weekend che i partner hanno i figli con sé (quando non sono con il padre o la madre naturali). La nuova coppia deve avere molta pazienza se vuole creare un legame affettivo profondo, senza scatenare malesseri e/o gelosie. I ragazzi hanno bisogno di abituarsi al nuovo legame con il nuovo partner del proprio genitore senza avere il timore di essere “sostituiti” affettivamente dal nuovo fidanzato/a o dalla sua prole. I nuovi partner, inoltre, non devono cercare di sostituire la figura dei genitori naturali.
  5. Occorre tempo. Ma il risultato è la felicità della coppia e dei loro figli.

 

 

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*