MENU
» Alimentazione, Antiaging con gusto, Le notizie della settimana » I biscotti per la prima colazione: 3 regole per scegliere bene

5 aprile 2018 Commenti (2) Visualizzazione: 3229 Stelle Alimentazione, Antiaging con gusto, Le notizie della settimana

I biscotti per la prima colazione: 3 regole per scegliere bene

Ecco le regole della nutrizionista Chiara Manzi per scegliere i biscotti secchi ok da gustare a a colazione con caffè, tè o latte. Quelli ideali per la salute devono essere fatti con ingredienti di qualità. Scoprite qui come…

“Se non avete tempo di fare biscotti in casa e volete acquistare il dolce o dei cereali per la colazione, vi consiglio di osservare attentamente l’etichetta e seguire queste indicazioni” afferma Chiara Manzi:

1. Scegliete alimenti fatti con pochi ingredienti: cibi che hanno una lista molto lunga di ingredienti in genere sono fatti con materie prime di scarsa qualità e hanno bisogno di additivi e aromi per essere gradevoli.

2. Scartate tutto ciò che ha fra gli ingredienti «grassi idrogenati» ma anche «grassi vegetali», «grassi vegetali non idrogenati» e grassi tropicali come olio di palma e di cocco: sono grassi di scarsa qualità nutrizionale. Meglio dolci fatti con burro e strutto, piuttosto. Ovviamente l’ideale sono i dolci fatti con olio extravergine di oliva, ma anche di girasole o di oliva.

3. Osservate la tabella nutrizionale e scegliete alimenti che hanno maggiori quantità di fibre e minore quantità di zuccheri semplici e grassi. Si può considerare nei biscotti un contenuto equilibrato intorno ai 25 grammi su 100 di zucchero semplice, e di grassi sui 12 grammi per 100. Una porzione da 40 grammi di biscotti conterrà quindi intorno ai 10 grammi di zucchero semplice e 5 grammi di grassi. I lievitati, in genere, hanno meno zuccheri semplici e più grassi.

Dal libro “Antiaging con gusto” di Chiara Manzi

2 Domande su I biscotti per la prima colazione: 3 regole per scegliere bene

  1. Gracelin ha detto:

    You’ve really captured all the esstaeinls in this subject area, haven’t you?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*