MENU
» Le notizie della settimana, Novità dalla ricerca » Scoperto un altro “parente” preistorico

11 Settembre 2015 Commenti (0)

Scoperto un altro “parente” preistorico

Per i paleontologi si tratta di una scoperta epocale:in una grotta a 90 metri di profondità,  a Rising Star in Sudafrica, sono stati ritrovati i resti (ossa e denti; oltre 1.500) di 15 individui (di diverse età) vissuti forse tra i 2,5 ai 2 milioni di anni fa (forse anche prima). Si tratta, per gli scienziati, dell’Homo Naledi: testa e cervello grandi quanto un’arancia, piedi evoluti per permettere la posizione eretta e correre, ma anche arrampicarsi sugli alberi (è questa la grande novità che capovolge le precedenti teorie). E’ un nuovo “Homo” oppure  ” una specie antica” vissuta fino a poche migliaia di anni fa?

Rimane un mistero anche il luogo della scoperta: non si capisce come i corpi intatti siano arrivati in una grotta così impervia e profondissima senza vie di uscita e senza utensili o resti di animali. Toccherà, quindi, agli scienziati scoprire, nei prossimi anni, come e se bisognerà riscrivere la storia dell’evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Iscriviti alla newsletter di 3Goodnews!


Seguici anche su Facebook!

[efb_likebox fanpage_url=”3goodnews” box_width=”500″ box_height=”” locale=”it_IT” responsive=”1″ show_faces=”1″ show_stream=”0″ hide_cover=”0″ small_header=”0″ hide_cta=”0″ ]