MENU
» L'avvocato della salute, Salute » Avvocato risponde: “L’ospedale ha perso la mia cartella Clinica”

9 Ottobre 2015 Commenti (0) Visualizzazione: 1059 Stelle L'avvocato della salute, Salute

Avvocato risponde: “L’ospedale ha perso la mia cartella Clinica”

CARTELLA CLINICA
Dopo un anno da un’operazione ortopedica, ho chiesto in ospedale la copia della mia cartella clinica: all’inizio mi hanno chiesto i motivi per cui volevo avere questo documento, poi hanno effettuato dei controlli, si sono scusati e mi hanno riferito che, purtroppo, nel mio caso non esiste la cartella clinica perché non è stata compilata. Chi è responsabile?
Mattia, 51 anni

La cartella clinica è un documento che garantisce la compiuta attuazione del diritto alla salute previsto all’art. 32 della nostra Costituzione, data l’ampiezza della tutela di questo diritto fondamentale, il documento in questione deve essere consegnato senza ritardo e il paziente che lo richiede non è tenuto a chiarire le ragioni della sua domanda, che possono essere legate alla prosecuzione delle cure come anche alla necessità di ricostruire l’appropriatezza degli interventi. La responsabilità della sua regolare compilazione e conservazione (prima della trasmissione all’archivio dell’ospedale) grava sul Primario mentre il Direttore sanitario è responsabile della custodia della documentazione clinica nel momento in cui questa giunge all’archivio dell’ospedale. Secondo una recente sentenza della Corte di Cass. (Pen. n. 6075/2015) il Primario che non compila e non controlla l’operato dei suoi collaboratori nella compilazione della cartella clinica commette il reato di omissione di atti d’ufficio previsto dall’art. 328 del codice penale. In quest’ottica, il primario che sovraintende al reparto diventa responsabile della tenuta dei documenti del reparto che sovraintende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica