MENU
» in evidenza, Salute » AIDS: UN NUOVO TEST SULLA SALIVA PER LA DIAGNOSI PRECOCE (E VELOCE)

30 Novembre 2015 Commenti (0) Visualizzazione: 1311 Stelle in evidenza, Salute

AIDS: UN NUOVO TEST SULLA SALIVA PER LA DIAGNOSI PRECOCE (E VELOCE)

C’è un test rapido per diagnosticare una malattia che colpisce 15 persone l’anno ogni centomila abitanti. Si effettua sulla saliva e rileva immediatamente la presenza del virus Hiv nell’organismo, contro i dieci giorni circa dell’esame classico su un campione di sangue. 

Il nuovo test per diagnostica l’Aids è veloce (10 minuti) ed è facile da eseguire: si passa un tampone lungo tutta l’arcata gengivale e poi si controllano i risultati. Solo se l’esito finale è “reattivo” (ossia evidenzia la presenza del virus) occorre sottoporsi al test ematico per confermarne (o no) la diagnosi.

Un test consigliato a tutti. Soprattutto a chiunque abbia il sospetto di aver avuto rapporti a rischio, agli uomini di età compresa fra i 25 e i 29 anni (la fascia più colpita con oltre 15 nuovi casi ogni 100.000 residenti) e di  30/40 anni (l’età media in cui si scopre di aver contratto il virus). Le ultime stime fornite dal Ministero della Salute parlano infatti di oltre 79% di casi nel 2014, tra la popolazione maschile con età media di circa 39 anni, a fronte invece di una continua diminuzione di nuove diagnosi nelle donne.

La principale causa di contrazione del virus? Per entrambi i sessi, sono i rapporti sessuali senza preservativo, la causa principale della trasmissione del virus con l’84%  dei casi (di cui 40% di uomini che hanno avuto rapporti con lo stesso sesso; 25,8% di maschi eterosessuali e 12,2% di femmine eterosessuali).

Serve più informazione e sensibilizzazione. Che significano, in pratica, più diagnosi, maggior tempestività, più possibilità di accesso rapido alle cure. I  dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità fanno riflettere: in Italia esiste una percentuale tra il 13 e il 40% di malati di Aids che non sa di esserlo, oltre alle 94 mila persone già accertate, per un totale di 100/150mila casi. Insomma, si deduce che oltre il 50% delle persone scopre di avere contratto l’HIV in una fase molto avanzata dell’infezione. Questo ritardo nella diagnosi, ha un duplice rischio: per se stessi, perché si giunge tardi alle terapie antiretrovirali, e per gli altri, perché si può contribuire a diffondere il contagio. «Esistono poi persone che non accedono ai centri di cura – precisa Enrico Girardi, direttore di Epidemiologia Clinica dell’Istituto Spallanzani di Roma – e dunque non ricevono un trattamento efficace (le terapie antiretrovirali), non le assumono correttamente o rinunciano in corso di trattamento». Bisogna fare in modo che ciò non accada perché diagnosticare l’infezione da HIV in fase precoce è fondamentale, per trattarla in modo ancora più efficace. Oggi, si può.

Test anonimo e gratuito. Dal primo al 6 dicembre, grazie all’iniziativa della Lila, (Lega Italiana per la lotta contro l’Aids) è possibile conoscere ed effettuare il test salivare in molte città italiane (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Como, Livorno, Firenze, Milano, Roma, Torino e Trento), ma anche avere informazioni su cure e prevenzione dell’HIV, presso le sedi della Lega. Inoltre, per  la Giornata Mondiale contro l’Aids del 1° dicembre verrano distribuiti preservativi “Fallo protetto!” per incentivare, specie tra i giovani, il loro utilizzo e prevenire le malattie a trasmissione sessuale.

Testo di Francesca Morelli

Video della LILA: “Fatti un regalo, fai il test!” con la testimonial Nina Zilli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica