MENU
» Fitness & Beauty, in evidenza » I NUOVI LASER CONTRO MACCHIE, RUGHE E ACNE. EFFICACI ANCHE PER RINGIOVANIRE IL VISO

22 Dicembre 2015 Commenti (0) Visualizzazione: 3069 Stelle Fitness & Beauty, in evidenza

I NUOVI LASER CONTRO MACCHIE, RUGHE E ACNE. EFFICACI ANCHE PER RINGIOVANIRE IL VISO

Via segni e imperfezioni in pochi minuti. È quanto promettono i nuovi laser per “rinfrescare” il viso dai 40 anni in su… Ecco le novità per chi, con l’anno nuovo, vuole tirarsi su

Un milione di interventi in un solo anno: sono quelli eseguiti in ambito estetico (74%) e/o plastico (24%) nel 2014, secondo le stime fornite dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica e Estetica. I più richiesti sono i ‘ritocchini’ al volto per correggere inestetismi lievi o più seri, all’insegna di un lifting ringiovanente. E senza usare aghi e bisturi.  Per questo i trattamenti al laser piacciono di più, inoltre garantiscono efficacia, ridotti effetti collaterali e un più veloce recupero.

Due tecniche ‘luminose’. La soluzione più innovativa per ringiovanire il viso in maniera ‘soft’ (mininvasiva), migliorare il tono, la texture e la consistenza della pelle sono laser che emettono fasci di luce frazionati, cioè con diversa intensità e frequenza, a seconda del difetto da correggere e del tipo di pelle. Gli ultimi nati sono due:

1) Il laser CO2 eccitato a radiofrequenza. È efficace contro gli inestetismi più superficiali della cute come macchie solari, capillari da rosacea, cicatrici da acne, segni di suture o da traumi. «I miglioramenti in termini di morbidezza o lucentezza della pelle – spiega il dottor Davide Brunelli dermatologo presso l’Ospedale M. Bufalini di Cesena – sono apprezzabili già dalle prime sedute». Ma per stabilire il numero di applicazioni ad hoc molto dipende dal problema: si può variare da un paio di trattamenti per le macchie solari, a 4-5 per l’acne, mentre per il lifting ringiovanente le sedute dipendono dall’età e dai desideri della paziente. La regola è comunque che i trattamenti siano distanziati l’uno dall’altro di circa 2 mesi: il tempo tecnico per consentire alla biostimolazione, prodotta dal laser, di fare progressivamente il suo lavoro, è visibile dopo 6 mesi circa dalla fine del trattamento.
Candidate ideali al laser CO2 sono le donne 40-50enni che vogliono avere un viso fresco  e luminoso o, ragazze di 20-30 anni per eliminare i segni di un’acne importante. «È bene sottoporsi ai trattamenti in inverno – raccomanda il dottor Vito Abrusci, dermatologo e responsabile del Centro Vito Abrusci di Milano – per evitare l’esposizione solare nei due mesi successivi». Dopo il trattamento con il laser, è consigliato prendersi qualche giorno di ferie: possono comparire eritemi, gonfiori, arrossamenti che possono essere però leniti con creme idratanti e antinfiammatorie, e risolti nell’arco di una settimana circa. Il laser non è ok per tutte: «È sconsigliato in caso di herpes – continua Brunelli – perché potrebbe essere possibile una riattivazione delle manifestazioni. Inoltre, il Co2 è vietato, come tutte le terapie che utilizzano la luce, in caso di malattie con alta incidenza di fotosensibilità, come per esempio quelle del connettivo fra cui il lupus eritematoso sistemico». Ma quanto dura il trattamento al CO2?  È definitivo sulle macchie o sulle cicatrici e “dura” circa 2 anni nei ritocchi estetici, poi dovrà o potrà esser ripetuto a un costo base a seduta di circa 350-400 euro, variabili a seconda della zona da trattare, della sua estensione e del gradimento finale.

 

2) L’eTwo. Combina luce infrarossa e radiofrequenza bipolare per agire nella parte più profonda del derma, stimolando la formazione di nuovo collagene. Ancora meno invasivo del laser CO2, è particolarmente indicato per trattare inestetismi cutanei che necessitano di un riposizionamento dei volumi in aree delicate del volto come lo zigomo, il contorno della mandibola, il collo (in cui spesso vi è anche una perdita di tonicità), ma anche per cancellare smagliature sul corpo e sul seno. «L’eTwo – precisa la dottoressa Maria Grazia Moio, chirurgo plastico – oltre a rinnovare la superficie dell’epidermide, rinforza anche la struttura della cute perché la combinazione di radiofrequenza bipolare ed energie ottiche riscalda il derma profondo, favorendo così  la stimolazione e l’accorciamento delle fibre di collagene». Le rughe diventano meno evidenti e il contorno del viso ne trae benefici estetici, fin dai primi trattamenti. Variabili, anche per l’eTwo, le sedute: da 2 per le smagliature, alle 5-6 in caso di rughe su un volto segnato dal tempo. I costi vanno dai 400 euro in su a seduta, a seconda del tipo di problema, dell’estensione della lesione cutanea e dal grado di soddisfazione della paziente. Rispetto al laser CO2, il tempo medio di recupero è ancora più rapido. Con un adeguato trattamento, con creme lenitive o sbiancanti, sono di norma sufficienti 2-3 giorni circa per far scomparire bruciori, rossori e gonfiori specie nelle zone più delicate, come per esempio, palpebre e contorno occhi .

 

Testo di Francesca Morelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica