MENU
» Alimentazione, Antiaging con gusto, in evidenza » CUCINA ANTIAGING: COME SCEGLIERE LA FARINA GIUSTA

11 Febbraio 2016 Commenti (0) Visualizzazione: 1325 Stelle Alimentazione, Antiaging con gusto, in evidenza

CUCINA ANTIAGING: COME SCEGLIERE LA FARINA GIUSTA

Farina 00, farina 0, farina 1… Cosa vogliono dire? E per quali preparazioni sono consigliate? Lo abbiamo chiesto alla  nutrizionista Chiara Manzi

“Queste sigle indicano i vari gradi di raffinazione della farina di grano tenero, ossia la percentuale di farina che si estrae da 100 parti di cereale, eliminando in vario grado le parti esterne: crusca e cruschello, ricche di fibra, minerali, vitamina E e vitamine del gruppo B” afferma Chiara Manzi, presidente dell’Associazione per la Sicurezza Nutrizionale in Cucina.

  • La farina tipo 00 rappresenta la farina più raffinata e per questo più ricca in zuccheri e proteine e più povera di fibre. Solo 2 grammi ogni 100 circa. Viene utilizzata nelle preparazioni dove non occorre una grande quantità di glutine, come nei ciambelloni o nella pasta fresca e nella beciamella.
  • La farina tipo 0 contiene una maggiore quantità di prodotto pro- veniente dalla parte più esterna del chicco e quindi circa 3 grammi di fibra ogni 100. Contiene anche più glutine e per questo viene utilizzata per i prodotti lievitati (pane e pizza) che hanno bisogno di maggior elaasticità.
  • Le farine tipo 1 e 2 hanno un grado di raffinazione molto più basso, quindi il loro contenuto di fibra va dai 4 agli 8 grammi ogni 100. Si usano quando vogliamo arricchire le preparazioni di fibra e per dare un sapore più marcato.
  • La farina integrale di frumento ha semplicemente subìto il primo processo di macinazione, contiene pertanto tutte le parti più esterne del chicco, quali la crusca, e un contenuto di fibra che può arrivare al 10%, ovvero un terzo del fabbisogno giornaliero. Si usa, con ottimi risultati, per i tagliolini o anche le crostate integrali.Da ricordare che la crusca pura, che possiamo trovare facilmente in commercio, contiene circa il 40% di fibra: un cucchiaio nel latte della colazione è meglio di un panino integrale e ci permette di iniziare la giornata con un dolce rallentandone l’assorbimento.Trovate altre utili informazioni sul libro Antiaging con gusto di Chiara Manzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica