MENU
» in evidenza, Salute » SALUTE: UNA MELA AL GIORNO PER VIVERE A LUNGO

6 Aprile 2016 Commenti (0) Visualizzazione: 901 Stelle in evidenza, Salute

SALUTE: UNA MELA AL GIORNO PER VIVERE A LUNGO

Per vivere più a lungo serve una mela di circa 100 grammi, consumata quotidianamente.
Mangiare almeno una mela al giorno sarebbe, infatti, in grado di proteggere la donna, specie nella terza età, da rischi cardiovascolari, malattie dell’invecchiamento, tumori compresi, riducendo le probabilità di morte precoce anche del 35%. Lo asserisce uno studio condotto dalla University of Western Australia e pubblicato sul Free Radical Biology and Medicine Journal.

Il frutto della longevità – Nulla nella mela va buttato, almeno se si vuole vivere a lungo. Infatti, la buccia fornisce flavonoidi e la polpa fibre à gogo, insieme a vitamina C, potassio e magnesio. Tutti principi nutritivi che aiutano a mantenersi in forma: aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo, migliorano la circolazione sanguigna e la pressione. La dimostrazione è appena arrivata da uno studio australiano che, attraverso questionari periodici, ha monitorato per 15 anni le abitudini alimentari di oltre 1.400 persone, per la maggior parte donne, di età compresa tra i 70 e gli 85 anni, incrociando i quantitativi di frutta (specie di mele, ma anche banane, frutti di bosco e pere) e verdura consumati, con alcuni principali fattori di mortalità. Per i ricercatori è stato così possibile osservare che coloro che, in quest’arco di tempo, avevano mangiato circa 100 grammi di mele (un frutto) al giorno, avevano ‘maturato’ una probabilità minore di incorrere in malattie importanti, rispetto a coloro che mediamente assumevano solo 5 grammi di mele, ossia meno di 15 mele, di medie dimensioni, in un anno. «Era già noto – ha spiegato Jonathan Hodgson, uno degli autori dello studio – che l’assunzione di flavonoidi attraverso la buccia della mela favorisce il rilassamento delle arterie. Ma oggi, si aggiunge il fatto che un maggiore consumo di mele si associa anche a un rischio di mortalità inferiore, per qualsiasi causa anche tumorale, per la donna non più giovane».

Il consiglio dei ricercatori? Mangiate tanta frutta. Ok alle 2-3 porzioni giornaliere raccomandate dalla dieta mediterranea durante i pasti quotidiani, con qualche ‘sgarro’ in eccesso per spuntini e spezza-fame. Una mela non si nega a nessuno, anzi… mordetela spesso!!! (Fa bene anche alle gengive).

Testo di Francesca Morelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica