MENU
» in evidenza, Psico news, SOS Adolescenti » PSICO “Ci vogliamo separare: come lo diciamo ai figli?”

27 Maggio 2016 Commenti (0) Visualizzazione: 1091 Stelle in evidenza, Psico news, SOS Adolescenti

PSICO “Ci vogliamo separare: come lo diciamo ai figli?”

C’è un modo per rendere la notizia meno traumatica per i figli? E qual è il momento giusto per informare i ragazzi che mamma e papà hanno deciso di lasciarsi? Lo abbiamo chiesto allo psicoterapeuta Sergio Perri

“Purtroppo non c’è un modo ideale per dire ai figli che i propri genitori hanno deciso di lasciarsi ” afferma il dott. Sergio Perri, esperto in problematiche della genitorialità e dell’adolescenza. ” È fondamentale però che i genitori trovino insieme un modo per ridurre l’impatto emotivo sui figli. Quindi, per prima cosa devono chiarirsi tra loro, fare un percorso di maturazione e sforzarsi di separare il ruolo di coppia affettiva da quella genitoriale. Se la loro storia d’amore è finita, quella di genitori non finisce mai. Anzi, la “coppia genitori” deve mantenere la calma e collaborare per il bene dei figli”.

Come dirlo e quando dirlo ai figli adolescenti? 

“I genitori  potrebbero radunare tutta la famiglia a  pranzo o a cena (per avere a disposizione almeno un paio di ore di tranquillità, senza cellulari o tv), oppure organizzare una gita o una breve vacanza per informare i figli della situazione che stanno vivendo (senza colpevolizzarsi a vicenda). È, inoltre, importante che i genitori sottolineino la loro presenza; anche se la loro unione è in crisi, non lo è invece il loro ruolo di genitori. Ossia anche se mamma e papà non riescono più a vivere insieme, il loro affetto e il loro impegno non cesserà mai nei loro confronti. I genitori devono dare un messaggio di continuità. Non creare ulteriori drammi e rotture familiari”.

Che cosa non va assolutamente fatto? 

“Consiglio vivamente di informare i figli insieme. Assolutamente no, all’annuncio della separazione dato solo dal padre o dalla madre (di solito arrabbiati e/o disperati). Questo costringe i figli a dover prendere delle posizioni forzate verso l’altro genitore. Ciò può creare ulteriori problemi tra genitori e figli. I ragazzi vanno protetti, non subire anche la rabbia e la delusione di mamma e papà per il fallimento del loro matrimonio. Per questo, sottolineo l’importanza di provare a mantenere un atteggiamento maturo e responsabile, in nome dell’amore e del rispetto verso i propri ragazzi” conclude il dottor Perri.

Tags: , , , ,

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica