MENU
» Alimentazione, Antiaging con gusto, Le notizie della settimana » COME FARE UNA FRITTURA OK PER LA SALUTE

3 Luglio 2016 Commenti (0) Visualizzazione: 1317 Stelle Alimentazione, Antiaging con gusto, Le notizie della settimana

COME FARE UNA FRITTURA OK PER LA SALUTE

Si può mangiare anche tutti i giorni, purché rispetti queste semplici regole. Ecco i consigli della nutrizionista

 

“Quando qualcuno mi chiede se una volta al mese si può fare un fritto” afferma la nutrizionista Chiara Manzi, ” rispondo che per me si può fare anche tutti i giorni. Il fritto, infatti, è un metodo di cottura che conserva molto bene le vitamine più delicate, anche se sotto questo punto di vista la cottura sottovuoto è impareggiabile. E a volte un fritto ben fatto è meno grasso e calorico di un’insalatona”.

Scopriamo il motivo:

Il fritto è molto calorico perché il grasso di frittura viene assorbito dall’alimento. E sappiamo che un solo cucchiaio di olio aggiunge al piatto 90 kcal. Però con quattro semplici mosse possiamo limitare al massimo l’assorbimento dell’olio:

  • L’olio deve essere abbondante e ben caldo, a180°C. Se non abbiamo una friggitrice con termostato possiamo acquistare un termometro sonda per tenere la temperatura sotto controllo.
  • L’alimento deve essere poco «rivestito». Se, per esempio, è solo infarinato, come nel caso della frittura di pesce, assorbe la metà dell’olio rispetto a un alimento impanato, come la cotoletta. Pastella e tempura assorbono tantissimo olio.
  1. Per friggere il grasso migliore è sempre l’olio di olivaextravergine; sono indicati anche l’olio di oliva, l’olio di arachidi. E lo strutto. Quest’ultimo viene assorbito dagli alimenti 3 volte meno rispetto all’olio e oggi è più insaturo rispetto a 10 anni fa grazie alla specifica alimentazione dei maiali in allevamento!
  2. Bisogna scolare il fritto dall’olio con una pinza, in modo da sgocciolare bene il grasso, e poi assorbire bene l’olio tamponando per tre volte il cibo in carta assorbente.

In questo modo la frittura di 100 grammi di pesce assorbe solo 6 grammi di olio: avremo un buon piatto con meno di 200 kcal e meno di 10 grammi di grassi. A proposito: un’insalatona di lattuga con una mozzarella vaccina da 100 grammi, condita con un cucchiaio di olio, ci fornisce 350 kcal e 30 grammi di grassi!

 

ECCO QUANTO GRASSO ASSORBONO QUESTI ALIMENTI

Alimento Grasso assorbito
Patate fritte 6 g in olio
Alimenti infarinati 6 g in olio
Alim. infarinati in farina di riso 4 g in olio
Ravioli o gnocco fritto (5 pezzi da 20 g) 7 g in olio 1 g in strutto
Alimenti impanati (farina, uovo e pan grattato) 12 g in olio
3 krapfen da 35 g 12 g in olio
Pignolata (26 pallini: 100 g) 16 g in olio
Frappe 20 g in olio
In pastella 54 g in olio

Tabella del grasso assorbito da 100 grammi di frittura ben asciugata con la carta assorbente. Tratto dal libro “Antiaging con gusto” di Chiara Manzi.

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica