MENU
» Alimentazione, in evidenza, Ricette Good » COME PREPARARE LA PASTA MADRE (LIEVITO NATURALE)

2 Febbraio 2017 Commenti (0) Visualizzazione: 2166 Stelle Alimentazione, in evidenza, Ricette Good

COME PREPARARE LA PASTA MADRE (LIEVITO NATURALE)

 Ecco in poche mosse la preparazione di un lievito naturale, buono e digeribile, per pane e dolci

 Il lievito naturale, chiamato anche LIEVITO MADRE, PASTA MADRE o crescente, lievito acido, pasta acida, è un impasto di farina e acqua acidificato da un complesso di lieviti e batteri lattici che sono in grado di avviare la fermentazione.

A differenza del cosiddetto lievito di birra, il lievito naturale comprende, tra i lieviti, diverse specie di batteri lattici (genere Lactobacillus) che produce acidi organici e consente inoltre una maggiore crescita del prodotto e una maggiore digeribilità e conservabilità.

Per fare “vivere” la nostra pasta madre occorre rinfrescarla periodicamente (i fermenti si nutrono e crescono in continuazione). Se si conserva in frigorifero (nella parte meno fredda) è sufficiente ogni 3-4 giorni (massimo 5). Se si conserva a temperatura ambiente, dipende quanto velocemente “cresce” (incide la temperatura e l’umidità).

COME PREPARARE LA PASTA MADRE  (LIEVITO NATURALE)


Il procedimento si può fare sia con un impastatore sia a mano
, si scioglie la pasta madre nell’acqua e poi si aggiunge la farina. Si lavora fino a ottenere un impasto liscio ed omogeneo, si forma una palla, si incide con una croce e si mette in un contenitore di vetro (si consiglia di non utilizzare quelli in plastica), lo si chiude ma non ermeticamente (per esempio, con della carta-forno bagnata e strizzata, con un panno umido oppure con della pellicola per alimenti senza mai sigillarla).

Dopo circa 2-3 ore la pasta madre crescerà fino al raddoppio (dipende sempre dalla temperatura dell’ambiente) e si formeranno gli alveoli della fermentazione, il taglio si aprirà e si allargherà fin quasi a scomparire. La Pasta Madre è ora pronta per essere utilizzata in una ricetta (ricordandosi di tenerne una parte da rinfrescare e utilizzare successivamente).

di Giovanna Sassi, food blogger

 

 

 

Tags: , , ,

I commenti sono chiusi