MENU
» Alimentazione » COME SCEGLIERE IL MIGLIOR PROSCIUTTO COTTO

9 Marzo 2017 Commenti (0) Visualizzazione: 1286 Stelle Alimentazione

COME SCEGLIERE IL MIGLIOR PROSCIUTTO COTTO

Occhio all’etichetta per scegliere il cotto di qualità

È il salume più venduto in Italia. Ogni italiano ne consuma circa 5 chili l’anno, ma purtroppo vista la grande scelta di prodotti in salumeria e al supermercato non sempre si acquista il meglio. La denominazione “prosciutto cotto” è riservata al prodotto ottenuto dalla coscia di suino, eventualmente disossata, sgrassata, privata di tendini e cotenna. Con aggiunta di acqua, sale, nitrato di sodio e/o di potassio. Ma può contenere anche zuccheri, proteine del latte, della soia, amidi, fecole, gelatine alimentari, aromi naturali o sintetici…

PER SCEGLIERE UN PROSCIUTTO COTTO DI QUALITÀ
OCCORRE CONTROLLARE CHE:

– Sia un PROSCIUTTO COTTO SCELTO, ossia fatto con la coscia intera e non realizzato come il SEMPLICE PROSCIUTTO COTTO con la parte meno nobile della coscia.
– A RIDOTTO TASSO DI UMIDITA’. Più è il alto il tasso di umidità, minore è la qualità del prosciutto cotto (l’umidità, per esempio, non può superare il 81% per il “prosciutto semplice”; non superiore a 78% per il “prosciutto cotto scelto” e del 75,5% per il “prosciutto cotto di alta” qualità (come il Fioccotto e Valcotto di Menatti).
– La fetta deve presentare parti separate da zone membranose. Il grasso deve trovarsi per lo più nella parte esterna. Se invece la fetta appare perfetta e omogenea, di solito non è un prosciutto di pregio.
– Se la fetta si sbriciola non è segno di grande qualità.
– Meglio non fidarsi di prosciutti dall’aspetto lucido, con riflessi verdognoli o iridati. O contenuti in vaschette “umide”.
– E’ necessario leggere la lista degli ingredienti, sui prodotti confezionati: più è corta meglio è.
– Preferite però sempre i prodotti di qualità. Ossia quelli che non contengono polifosfati, proteine del latte, amidi, fecole, gelatine alimentari e maltodestrine.
– Sono concessi nitriti (E249, E250) e nitrati (251,E252) che servono per mantenere più a lungo il prodotto fresco e rosato.

Per altre info sul cotto di qualità: www.menatti.com

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica