MENU
» Alimentazione, in evidenza, Scuola di cucina » SCUOLA DI CUCINA: COME FARE L’IMPASTO PER LA PIZZA

31 Marzo 2017 Commenti (0) Visualizzazione: 849 Stelle Alimentazione, in evidenza, Scuola di cucina

SCUOLA DI CUCINA: COME FARE L’IMPASTO PER LA PIZZA

È uno dei simboli che identificano l’Italia nel mondo. Scopriamo la ricetta di Giò per fare un impasto ok per la pizza!

“Per realizzare a casa l’impasto base per la pizza non occorrono particolari ingredienti, bastano acqua, farina, lievito di birra, olio extravergine di oliva, un pizzico di sale ed un cucchiaino di zucchero, l’importante è miscelare bene gli ingredienti nelle giuste dosi” afferma Giovanna De Sangro, blogger e tecnologa alimentare.
“La ricetta che vi proponiamo è ben collaudata! Infatti, otterrete un impasto morbido, friabile e croccante allo stesso tempo e praticamente perfetto per tutti i tipi di farciture; dalla classica pomodoro e mozzarella alla vegetariana a base di verdure o a quella più ricca con prosciutto e salame… Non vi resta, quindi, che provare la nostra ricetta e poi dare libero sfogo alla vostra fantasia!” conclude Giò.

 

SCUOLA DI CUCINA: COME FARE L’IMPASTO PER LA PIZZA

1. Preparazione

Per preparare l’impasto base per la pizza ponete la farina (500 g) in una ciotola ampia, aggiungete il sale, lo zucchero (15 g) e l’olio (25 ml). In un bicchiere ponete parte dell’acqua tiepida necessaria all’impasto (250 ml) e sciogliete il lievito di birra (12 g). Versate il lievito con l’acqua al centro della farina.

2. Impastate

Con l’ausilio di una forchetta iniziate ad impastare amalgamando gli ingredienti. Quando l’impasto sarà omogeneo,  lavoratelo con le mani fino a farlo diventare liscio.

3. Fate lievitare

Lasciate lievitate l’impasto nella ciotola per almeno due ore, coperto dalla pellicola trasparente, in un luogo tiepido ed asciutto.

4. Raddoppiate il volume

Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume,  pronto per la farcitura.

 Il consiglio di Giò

Quando stendete la pizza per prepararla alla farcitura fatelo con le mani e mai con il mattarello poiché quest’ultimo schiaccerebbe le bolle di lievitazione a discapito della leggerezza e della friabilità.

Per altre info e ricette: www.cucinaperte.it

 

Tags: ,

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* È richiesta la verifica